Archivi

Il sistema professionale EUCIP (scheda)

 

In Europa, già da alcuni anni, sono stati avviati progetti finalizzati a individuare le diverse professionalità tipiche dell’informatica. Dalla convergenza di queste iniziative è nato EUCIP (European Certification of Informatics Professionals), il programma europeo che definisce le competenze e i profili professionali nel settore informatico.

EUCIP è stato sviluppato, con il contributo della Comunità Europea, dalle associazioni professionali informatiche europee raccolte nel CEPIS (Council of European Professional Informatics Societies), tra cui AICA per l’Italia. Il CEPIS opera come organizzazione non-profit con l’obiettivo di sviluppare e promuovere gli standard utili al riconoscimento delle professionalità informatiche e di analizzare l’impatto dell’informatica sul sistema economico, sull’occupazione e sulla società.

EUCIP è un sistema, indipendente dai fornitori, che offre un insieme completo di identificazione e certificazione delle competenze richieste per ciascun profilo professionale ed è già di riferimento per i soggetti che operano nel settore – sia dal lato della domanda che da quello dell’offerta – tanto che, sempre più spesso, nei bandi di gara pubblici e privati viene richiesta la qualificazione delle risorse secondo i profili professionali EUCIP.

Il sistema di profili professionali EUCIP è articolato in 21 “mestieri” ICT che raggruppano tutte le principali figure professionali del settore. In particolare, EUCIP:

  • consente di identificare e misurare le aree di forza e di debolezza di un’azienda in relazione al suo posizionamento e alla sua strategia; 

  • offre il riferimento per progettare percorsi di sviluppo professionale certificati e gestire organicamente l’insieme delle competenze aziendali;

  • è riconosciuto dalle Università italiane (CRUI e CINI) e dalle imprese (Confindustria); 

  • è integrato nelle “Linee Guida” dell’Agenzia per l’Italia Digitale (ex DigitPA) per i contratti ICT della Pubblica Amministrazione.

Le competenze EUCIP

Lo standard EUCIP è basato su un “dizionario” di conoscenze elementari. Tali conoscenze sono articolate su un livello di base, che comprende l’insieme di conoscenze e competenze comuni ai profili professionali, e su un livello professionale e un livello specialistico che riguardano le conoscenze e competenze che caratterizzano i 21 profili professionali più il profilo specialistico dell’ IT Administrator. Le competenze considerate dallo standard EUCIP comprendono sia le competenze tecniche sia quelle gestionali e di contesto.

Le unità elementari di conoscenza coprono le aree fondamentali del ciclo di vita dei sistemi ICT secondo lo schema seguente:

Area “Pianificazione” (Plan) – È orientata all’analisi dei requisiti in ambito ICT e alla pianificazione dell’utilizzo delle tecnologie stesse nell’ambito delle organizzazioni. È un’area connessa ai processi gestionali e alla definizione delle necessità aziendali in ambito ICT inquadrate in una prospettiva strategica. Elementi importanti all’interno di quest’area sono ad esempio le nozioni di organizzazione aziendale, ritorno d’investimento, analisi dei processi, finanziamenti, rischi, pianificazione, etc.

Area “Realizzazione” (Build) – Comprende i processi di specifica, sviluppo e acquisizione di sistemi ICT. Il nodo centrale dell’area è costituito dagli aspetti dello sviluppo di sistemi informatici, implementazione, integrazione e in generale il loro ciclo di vita.

Area “Esercizio” (Operate) – Riguarda l’installazione, la supervisione e la manutenzione di sistemi informatici. Include aspetti quali l’integrazione sistemistica, la gestione reti, la gestione di aggiornamenti e ampliamenti, il supporto agli utenti etc.

I profili EUCIP

Il livello professionale della certificazione EUCIP corrisponde a una specializzazione in una particolare area, secondo un particolare “profilo professionale”. Sono stati definiti 21 profili professionali raggruppabili in 7 macro-categorie che ricoprono, insieme a quello di IT Administrator, l’intero spettro dei “mestieri” ICT.

Il gruppo di esperti che ha sviluppato EUCIP ha definito, in base all’evoluzione del lavoro nel settore informatico, i profili relativi alle figure professionali previste nell’ambito delle certificazioni EUCIP Professional Level. Lo schema degli indirizzi professionali di EUCIP si basa sulle precedenti esperienze delle varie associazioni nazionali aderenti al CEPIS e sugli schemi proposti da altri soggetti internazionali come, ad esempio, i modelli e i framework e-CF (European e-Competence Framework) del CEN.

I 21+1 profili professionali EUCIP identificano le competenze, cioè la capacità di “saper fare”, necessarie per ricoprire i principali ruoli ICT riconosciuti a livello europeo dal CEPIS. Essi riguardano sia le aziende che realizzano e offrono soluzioni informatiche (vendor), sia le strutture informatiche delle aziende utilizzatrici (utente).

Un profilo è definito da un insieme di attività proprie ed è caratterizzato da uno specifico insieme di competenze, oltre che dal possesso di un insieme comune di competenze di base, ritenute necessarie per ogni professionista ICT. Ogni profilo è descritto da un documento che definisce l’insieme delle competenze richieste, prevedendo cinque gradi progressivi di approfondimento (Extraneous, Introductory, Incisive, Deep, Major).

Per ogni profilo viene suggerito un percorso formativo composto da vari moduli che possono corrispondere a corsi e certificazioni proprietarie (es. Cisco, Microsoft, Oracle etc.), certificazioni di livello europeo (es. IT Administrator, ISEB, etc), corsi universitari o altri corsi accreditati.

(a cura di Coordinamento Rsu Almaviva SpA – giugno 2013)

I Commenti sono chiusi

Coalizione Clima
Approfondimenti
Login