CHIUSURE COLLETTIVE E PIANIFICAZIONE FERIE 2012

 

Si è conclusa il 1 marzo la trattativa per la definizione delle chiusure collettive e dei criteri di pianificazione delle ferie per il 2012. Fermo restando l’obiettivo di favorire una fruizione condivisa delle ferie, abbiamo previsto che l’entità delle ferie estive venga differenziata per fasce. L’accordo è articolato su più punti.

 

Giornate di chiusura

I giorni di chiusura previsti sono i seguenti: 26, 27 e 30 aprile; 13, 14, 16, 17 agosto; 2 novembre; 31 dicembre. Per tutti coloro a cui dovesse essere richiesta la presenza in servizio nei giorni 26, 27 e 30 aprile è prevista la “compensazione” con un numero pari di giornate da fruire preferibilmente nei giorni 23 e 24 aprile e 2 maggio. I giorni “a compensazione”, non trattandosi di chiusure collettive, andranno pianificati secondo le normali regole.

Nota La pianificazione per il periodo 5 marzo – 27 aprile verrà riaperta per consentire a chi avesse pianificato giornate di CdS o ferie (o altri istituti) nei giorni 26 e 27 aprile di modificarla.

 

Giornata obbligatoria a Pasqua (6 o 10 aprile, in alternativa)

È prevista la fruizione di un giorno di ferie (o altri istituti) da fruire a scelta tra il 6 e il 10 aprile. Anche tale giorno, non trattandosi di chiusura collettiva, andrà pianificato secondo le normali regole.

 

Fruizione dei residui in scadenza al 30 giugno (ferie-sa/do AA-2; per ex Finance anche anni precedenti)

Vanno fruiti entro il 30 giugno, evitando preferibilmente la concentrazione nel mese di giugno (sovrapposizione con il periodo destinato alla pianificazione estiva).

Per i dipendenti ex Finance con residuo AA-2 e precedenti superiore a 10 giorni va prevista, oltre alla fruizione dei 10 giorni, anche la fruizione del 30% degli ulteriori residui, fino a un massimo di 16 giorni.

 

Pianificazione estiva

Il periodo estivo va dal 1 giugno al 30 settembre.

Il numero di giorni da pianificare viene determinato, tenendo conto delle diverse situazioni individuali (residui + spettanze 2012 – giornate già fruite al 31/1), attraverso l’individuazione di 6 fasce.

 

Per determinare la fascia di appartenenza si sommano le seguenti quantità:

  • residui AA-1 al 31 gennaio 2012 (ultimo dato consuntivo disponibile)
  • PAR (ex festività) AA-2 al 31 gennaio 2012 (per ex Finance si tratta di ROL anni precedenti)
  • maturato/maturando dal 1 gennaio al 31 dicembre 2012 di tutti gli istituti (ferie, sa/do, PAR, Rol)

A questo risultato vanno sottratti i giorni già fruiti al 31 gennaio, senza però contare eventuali giorni di ferie e sa/do AA-2 che abbattono i residui di cui al punto precedente (residui in scadenza al 30 giugno).

 

Fasce

Giorni da pianificare

Note

Fascia 1 (fino a 25 giorni)

solo 4 giorni di chiusura Ferragosto = totale 4

(1)

Fascia 2 (26-30)

3 giorni + 4 di chiusura Ferragosto = totale 7

Fascia 3 (31-35)

6 giorni + 4 di chiusura Ferragosto = totale 10

Fascia 4 (36-45)

11 giorni + 4 di chiusura Ferragosto = totale 15

Fascia 5 (46-50)

16 giorni + 4 di chiusura Ferragosto = totale 20

Fascia 6 (oltre 50)

17 giorni + 4 di chiusura Ferragosto = totale 21

(2)

 

Nota1 Per dipendenti con totale inferiore a 10 è prevista una pianificazione da concordare individualmente per permettere il soddisfacimento di esigenze personali

Nota2 Nei casi di maggiore accumulo, ove le condizioni organizzative e produttive lo permettano, potranno essere previsti ulteriori giorni fino ad un massimo di 25

Nota generale Per tutti coloro a cui dovesse essere richiesta la presenza in servizio nella settimana di Ferragosto sarà prevista la “compensazione” con un numero pari di giornate da fruire nel periodo estivo. Diverse articolazioni, a parità di saldi complessivi, dovranno essere concordati preventivamente con il responsabile e approvati dalla Direzione Risorse Umane.

 

Riteniamo che l’accordo rappresenti una soluzione positiva perché, oltre a limitare il totale dei giorni di chiusura, migliora l’accordo dell’anno scorso in particolare nella definizione del periodo estivo (ampliato) e soprattutto nella introduzione delle fasce che garantiscono maggiore equità nella pianificazione.

 

 

5 marzo 2012                                                          Coordinamento Rsu Gruppo Almaviva

I Commenti sono chiusi

Coalizione Clima
Archivi