COMUNICATO SINDACALE ALMAVIVA FINANCE

A causa del cambio del vertice aziendale, uscita di Costantini, solo  il giorno 7 giugno Fim, Fiom, Uilm Nazionali e le RSU ex Finance hanno  incontrato la direzione aziendale ed il Dott. Amati per una valutazione complessiva dell’accordo del luglio 2009 scaduto il 31 Dicembre 2010.

Il bilancio di Finance consolidato al 31.12.10 alla voce ricavi ha registrato 51.579.000€ ed un MOL di 2,6mln, un valore non lontano dall’obiettivo minimo fissato da Costantini di 53 mln sotto il quale, a detta sempre di Costantini, “l’azienda non sarebbe sopravvissuta”

L’azienda  invece  è  sopravvissuta. Grazie  anche  ai  sacrifici  fatti  da  tutti  i  lavoratori  per  i  vincoli contenuti nell’accordo che hanno prodotto un risparmio nei costi di 1,5mln di euro.

Non  è  interesse  del  sindacato  fare  processi  sui  motivi  e  sull’attribuzione  del  mancato raggiungimento quota 53 mln di ricavi, ma abbiamo richiesto all’azienda un riconoscimento politico che  si  potesse  concretizzare  nell’erogazione  di  una  tantum  a  tutti  i  lavoratori  interessati  da

quell’accordo.

L’azienda ha risposto con un secco no.

Questo  atteggiamento nega  così sia  il  riconoscimento del  rispetto dell’accordo dei  lavoratori  ed  il loro sacrificio, sia la fiducia posta da tutti i lavoratori nel raggiungimento degli obiettivi prefissati  e improntando le relazioni sindacali ad un irrigidimento.

Da  oggi  pertanto  le  relazioni  sindacali  saranno  sempre  più  improntate  da  un  rigore  ed  una inflessibilità alla virgola per il rispetto di tutti gli accordi vigenti, a partire dalla gestione dei contratti di solidarietà.

Fim, Fiom, Uilm Nazionali

Rsu ex Almaviva Finance

Roma, 13 giugno 2011

I Commenti sono chiusi

Coalizione Clima
Archivi