Login

10 dicembre 2008 – MOZIONE

dell’Assemblea dei lavoratori Almaviva

 

Sciopero generale del 12 dicembre

 

L’Assemblea generale dei lavoratori Almaviva valuta negativamente il documento “Proposta di linee guida per la riforma della contrattazione collettiva”, siglato da Confindustria, CISL e UIL:

 

·        nel metodo perché la piattaforma non è stata discussa né approvata nei luoghi di lavoro, non ci sono state mobilitazioni a sostegno della trattativa e la proposta finale non è stata sottoposta al voto dei lavoratori

·        nel merito perché la proposta di modifica alla struttura della contrattazione rischia di penalizzare ulteriormente le retribuzioni dei lavoratori a vantaggio delle imprese e della rendita

 

Il documento inoltre, non considerando la gravità della situazione economica e finanziaria, non prevede misure in grado di contrastare la crisi e i licenziamenti che stanno colpendo in primo luogo i precari (che non hanno la difesa degli ammortizzatori sociali) e poi tutti i lavoratori.

 

La eccezionalità della crisi richiede invece interventi eccezionali, che devono essere individuati in una trattativa vera tra Governo e parti sociali: c’è bisogno di politiche anti-crisi immediate e consistenti, come già si stanno elaborando negli altri paesi europei.

 

È necessario:

 

·        sostenere i salari reali dei lavoratori dipendenti, riducendo le tasse sui redditi fissi (le tredicesime, gli aumenti contrattuali, …) e restituendo le quote di salario eroso dal “drenaggio fiscale”    

·        difendere le pensioni con misure strutturali, come la riduzione delle tasse per le pensioni medio-basse, perché la Social Card è un intervento minimo che riguarda solo una fascia ridotta della popolazione anziana più debole

·        rafforzare il sistema degli ammortizzatori sociali, aumentando le indennità di cassa integrazione ed estendendola a tutti i lavoratori, sia quelli a tempo determinato che quelli precari

·        sostenere le aziende più innovative, quelle ad alta intensità di manodopera, quelle che assumono con contratti a tempo indeterminato e quelle che sviluppano e utilizzano tecnologie e prodotti eco sostenibili

 

A sostegno di queste richieste, l’Assemblea aderisce allo sciopero generale del 12 dicembre, indetto dalla Cgil e dai sindacati di base (CUB, Cobas, SdL), e impegna la Rsu ad organizzare la presenza al corteo da Piazza Santa Croce in Gerusalemme.

 

APPROVATA ALL’UNANIMITA’ CON DUE ASTENUTI

I Commenti sono chiusi

Coalizione Clima
Archivi